Igiene Pubblica attività

L'unità operativa di Igiene e Sanità Pubblica svolge diverse attività legate all'azione di vigilanza e controllo sull'idoneità delle condizioni igieniche e sanitarie delle strutture abitative e dei luoghi pubblici.
Svolge una funzione di vigilanza e controllo, di informazione ed espressione di parere, per quanto concerne le abitazioni civili ed igiene dell’abitato, nuovi insediamenti produttivi, strumenti urbanistici, industrie insalubri, strutture scolastiche/comunità, infestanti urbani, attività di estetista, barbiere, parrucchiere e mestieri affini, locali di pubblico spettacolo, piscine, palestre, alberghi, campeggi, esercizio di arti sanitarie, strutture socio-sanitarie e sanitarie, attività di vendita e deposito di antiparassitari, rischio ambientale per la salute e/o inconvenienti igienico-sanitari. 

Attività Modulistica News

 

Attività
Disagio abitativo   
Strutture Sanitarie  
Strutture Residenziali Socio Assistenziali, Adulti e Minori  
Infestanti Urbani
Malattie Infettive  
Medicina del Viaggiatore  
Edilizia e Urbanistica  
Sicurezza stradale  
Attività Tipica (LEA) Igiene Pubblica
Tutela della salute e della sicurezza degli ambienti aperti e confinati
Tutela della salute nell'uso delle acque di balneazione
Valutazione igienico sanitaria degli strumenti di regolazione edilizia ed urbanistica
Tutela della salute dai fattori di rischio presenti in ambienti di vita non confinati
Tutela della salute e sicurezza delle abitazioni civili
Promozione della sicurezza stradale  
Tutela delle condizioni igieniche e di sicurezza degli edifici ad uso scolastico, ricreativo, sportivi e ricettivi
Tutela delle condizioni igieniche e di sicurezza delle strutture destinate ad attività sanitaria e socio sanitarie
Tutela igienico sanitaria degli stabilimenti termali
Tutela della popolazione e dei lavoratori da rischio amianto - altre info
Prevenzione e sicurezza nell'utilizzo di gas tossici
Prevenzione e sicurezza nell'uso di radiazioni ionizzanti e non ionizzanti - altre info
Tutela della salute dai rischi per la popolazione derivanti dall'uso di sostanze chimiche, preparati, articoli - REACH
Predisposizione di sistemi di risposta ad emergenze da fenomeni naturali o provocati (climatici e nucleari, biologici, chimici, radiologici)  
Tutela della collettività dal rischio radon  
Tutela delle condizioni igieniche e di sicurezza degli stabilimenti commerciali, artigianali e produttivi interventi per la prevenzione ed il controllo delle malattie  
Attività di medicina cimiteriale  
Sorveglianza epidemiologica delle malattie infettive e diffusive  
Interventi per il controllo della diffusione di malattie infettive e diffusive  
Vaccinazioni obbligatorie e raccomandate di cui al Piano Nazionale e Regionale vigente  
Medicina del viaggiatore  
Predisposizione di sistemi di risposta ad emergenze di origine infettiva  
Cosulenze sanitarie  
Notifiche SIMI  
Vaccinazioni a rischio ( informazione )  
Prelievo campioni  
News

16 nov 2017 Campagna di vaccinazione antinfluenzale stagionale anno 2017-2018

16 nov 2017 Ministero della Salute - Sindrome respiratoria medio-orientale da coronavirus (MERS CoV) Arabia Saudita 

16 nov 2017 Ministero della Salute - malattia da virus Marburg in Uganda e Kenia
Il 17 ottobre 2017, il Ministero della Salute dell’Uganda (MoH) ha notificato all’OMS un’epidemia confermata di malattia da virus Marburg nel distretto di Kween,Il secondo caso confermato si era recato in Kenya, prima del decesso

16 nov 2017 Ministero della Salute - Epidemia di Dengue
Dalla trentunesima settimana del 2017 (settimana che termina il 6 agosto) il Burkina Faso è colpito da un’epidemia di Dengue. L’OMS ha dichiarato ufficialmente l’epidemia il 28 settembre 2017.

 05 feb 2016 - AVVISO IMPORTANTE - La Direzione Sanitaria del Ministero della Salute ha pubblicato un poster informativo sul Virus Zika dando consigli ai viaggiatori internazionali diretti o provenienti dai Paesi affetti  
Versione in ITALIANO  - versione in INGLESE         
 20 lug 2015 - Malattie Infettive e Profilassi Internazionale
Consigli per i viaggiatori sulla Sindrome respiratoria Medio-Orientale da coronavirus MERS-CoV 
Regolamenti e modulistica
 Decreto 147/2017 - Manuale regionale "Linee guida per l'effettuazione delle vaccinazioni" aggiornamento 2017
 

Dipartimento di Prevenzione - Igiene Pubblica

Sorveglianza Virus Ebola (EVD): Disposizioni Ministero Salute
In Italia, dal mese di aprile 2014, il ministero della Salute ha emanato Circolari per rafforzare la sorveglianza ai punti di ingresso internazionali, per la segnalazione e per la gestione di eventuali casi sospetti di EVD. Sono state emanate raccomandazioni per viaggiatori internazionali. Negli ultimi due mesi, casi sospetti di EVD sono stati segnalati da diverse Regioni italiane, che hanno attivato le procedure previste dalle circolari suddette, recepite a livello regionale. Tutti questi casi sono poi risultati negativi ai test di laboratorio per virus Ebola. Di seguito i link al materiale informativo

Scheda informativa per i viaggiatori

Per Viaggiatori in Partenza

Per Viaggiatori in Arrivo

 

 “Linee guida per la prevenzione del Botulismo alimentare”

Il botulismo è considerato un grave pericolo per la salute pubblica in relazione all’ingestione di alimenti conservati, è una malattia paralizzante causata da una tossina prodotta dal batterio Clostridium botulinum. Prende il nome dal termine latino botulus (salsiccia) perché la sua descrizione fu associata inizialmente al consumo di salsicce preparate in casa. Oggi, C. botulinum si trova più frequentemente in preparati di origine vegetale che non in prodotti derivati da animali. C. botulinum può produrre diverse tossine, solitamente designate con le lettere, dalla A alla F. Le tossine A, B, E e F sono quelle responsabili del botulismo nella forma che interessa gli esseri umani. Ne bastano pochi nanogrammi, una dose piccolissima, per causare la malattia. Grazie alla tradizione di preparazione domestica di conserve, il botulismo alimentare rimane in Italia un problema di sanità pubblica, con una media di 20-30 casi segnalati ogni anno. Il botulino può essere presente in cibi inscatolati o conservati, specie di produzione domestica, ma anche, in qualche caso, industriale.
In generale, tutti i cibi conservati che non vengono fatti cuocere e che hanno un basso grado di acidità (pH sopra il 4,6), possono costituire un ambiente adatto alla crescita del botulino. La tossina botulinica è stata ritrovata in alimenti molto diversi come mais in scatola, peperoni, fagiolini, melanzane, barbabietole, funghi, spinaci, olive, tonno, paté, affettati sotto vuoto, pesce conservato e mascarpone.

 Secondo i dati del Cdc USA, il principale veicolo della tossina botulinica è rappresentato proprio da verdure in scatola, seguito dalle conserve di pesce. I prodotti caseari, le conserve di carne e il pollame costituiscono invece un veicolo minore, anche se non sono del tutto esenti da rischi (come ha dimostrato la comparsa del botulino in una partita di mascarpone italiano nel 1996). Il 23 giugno 2014 presso l'auditorium del Ministero della Salute si è tenuto il convegno,"Il Botulismo Alimentare in Italia: riflessioni e prospettive" organizzato dal Centro Nazionale di Riferimento per il Botulismo dell’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con il Ministero della Salute e l'Università degli Studi di Teramo, con il patrocino della Società Italiana di Tossicologia. Durante il convegno sono state presentate le linee guida per la corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico nelle quali sono illustrate -tra l’altro- le corrette modalità di prevenzione della malattia  nella fase di produzione e conservazione di conserve domestiche.

La pubblicazione ha un alto valore scientifico e pratico..

Link da cui è possibile scaricare la versione on line delle linee guida 2014

 

Dipartimento Prevenzione - Settore Ondate Calore - Referente d.ssa L. Nigri

Comunicato stampa "Ondate di calore" 2014  - Pubblicazione 2014 - Caldo 2014 Numeri utili - Decalogo del Ministero della Salute - LInee di indirizzo 2013 - Informazioni per il medico - Consigli per la popolazione - Link al Ministero della Salute

 

Dipartimento di Prevenzione - Igiene Pubblica Medicina Preventiva

Campagna di vaccinazione antinfluenzale stagionale anno 2014-2015

Campagna di informazione
All’attenzione della popolazione (donne adulte …e non solo), Farmacie e Medici di Medicina Generale “PREVENZIONE DEGLI  INFORTUNI  DOMESTICI  DONNE ADULTE” (… E NON SOLO)
Gli incidenti domestici rappresentano un problema sottovalutato, ma di grande rilevanza (in Italia ogni 10 secondi una persona ne è vittima), prevenibile attraverso un’efficace informazione della popolazione,  in maniera diretta e/o tramite i portatori di interesse (in particolare: Farmacie e Medici di Medicina Generale), che a tal fine possono visualizzare la BROCHURE presente in questo Sito, stamparla e, comunque, divulgarla. … visualizza>>
Per ulteriori ragguagli, rivolgersi al Dott. Rosario Vocaturo  (Responsabile del Progetto) tel.0984 893.576

Vaccinarsi Sì
ASP Cosenza Dipartimento Prevenzione delle Malattie e Società Italiana di Igiene.
Informazione medica e scientifica sulle vaccinazioni a cura della SITI - Società Italiana di Igiene Medicina Preventiva e Sanità Pubblica. presentazione_progetto>>  |  altre info.. collegati a www.vaccinarsi.org >>

 

Malattie prevenibili da vaccino Segni, sintomi e complicanze

I vaccini possono prevenire tutte le malattie elencate in questa scheda, la maggior parte delle quali può avere gravi complicanze, nonché causare altre malattie. Per proteggere la tua famiglia contro la malattia, assicurati che i tuoi bambini siano completamente vaccinati secondo il programma di immunizzazione nazionale del tuo Paese  ...continua>>

Ministero della Salute

Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2012-2014 ...continua>>

Decalogo per le famiglie vaccinazioni e vaccini

Piano Sanitario vaccininazioni e vaccini Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2012-2014  ...continua>>

Se scegli di non vaccinare tuo figlio, informati sui rischi e sulle responsabilità.

Se scegli di rimandare o di rinunciare ad alcuni vaccini, ci possono essere dei rischi. Cortesemente, segui queste indicazioni per proteggere tuo figlio, la tua famiglia e gli altri  ...continua>>

Le malattie trasmesse dalle zecche

Le principali malattie trasmesse da zecche sono: la malattia di ...continua>>

 

torna sopra

A.S.P. Cosenza - Web Site Info - Area riservata

La responsabilità dei contenuti presenti su questo sito è dei rispettivi Uffici o persone che ne hanno richiesto la pubblicazione.
La U.O.C. Gestione Sistema Informativo - CED è responsabile solo degli aspetti tecnici-informatici del sito aziendale.